Cette fiche a été rédigée dans le cadre du projet d’Atlas encyclopédique des Petites Iles de Méditerranée, porté par le Conservatoire du Littoral, l’Initiative PIM, et leurs nombreux partenaires.
This sheet has been written as part of the encyclopedic Atlas of the Small Mediterranean Islands project, carried out by the Conservatoire du Littoral, the PIM Initiative and their numerous partners.
(https://pimatlas.org)

ISOLE

Cluster : AOLIAN

Sous-bassin : SICILE

Basiluzzo

Contributeur :

Salvatore Pasta ; Pietro Lo Cascio

Date de création : 15/12/2017

Commune Lipari
Archipel Aeolian Archipelago
Surface (ha) 30
Linéaire côtier (mètre)
Distance à la côte (Mile nautique) 0,01
Altitude max (mètre)
Coordonnées géographiques Latitude 38,663497
Longitude 15,114539
Propriété foncière /
Gestionnaire(s) /
Statut de protection national /
international /

Descrizione


Basiluzzo ha una superficie di 281000 m2 e raggiunge l’altezza massima di 165 m s.l.m.; rappresenta pertanto il più esteso tra gli isolotti minori delle Eolie. È un duomo endogeno a composizione riolitica, formatosi intorno a 54000 anni fa a Nord-Est di Panarea nel corso di uno degli ultimi eventi eruttivi di tale apparato, le cui modalità di accrescimento risultano evidenti sulle pareti settentrionali, dove si possono riconoscere sia il condotto di alimentazione, sia le fessurazioni della parte più esterna e fredda del duomo prodotte dalla spinta interna di un magma molto viscoso lungo fratture a rampart; le strutture di foliazione caratterizzano anche altri tratti del suo perimetro costiero.

Attualmente l’isolotto è disabitato, ma è stato certamente sede di un insediamento stabile in epoca romana, come testimoniano i resti di una struttura – oggi sommersa per effetto di un fenomeno di subsidenza locale – in corrispondenza dell’approdo di Punta Levante, di mura in opus reticulatum e mosaici bicromi sparsi su tutta la sua superficie e, soprattutto, di una villa di età tardo-imperiale. Probabilmente ha continuato ad essere abitato ancora in epoca bizantina: il toponimo potrebbe derivare dal culto di San Basilio e diverse fonti storiche attestano l’esistenza della pianta di un edificio caratterizzato da un’abside nella parte posteriore, che sorgeva nel cosiddetto “Piano della Chiesa”. Diversi viaggiatori del XVIII e del XIX secolo riportano inoltre la presenza di coloni che vi risiedevano – almeno stagionalmente – coltivandovi orzo, legumi e lino. Infatti – unico caso tra gli isolotti eoliani – nelle mappe catastali Basiluzzo risulta frazionato in decine di particelle; nella parte meno elevata del pianoro sorge addirittura una piccola casa, composta da un unico vano. Ad ulteriore testimonianza del suo passato uso agricolo si riscontrano tuttora resti di terrazzamenti in pietra a secco. Prima dell’ultima guerra il sito doveva essere comunque già stato abbandonato – o visitato soltanto sporadicamente – poiché veniva utilizzato come bersaglio nelle esercitazioni di tiro della regia Marina.

Stato delle conoscenze


Basiluzzo è stato visitato da molti dei viaggiatori che durante il Settecento e l’Ottocento hanno toccato l’arcipelago durante i loro tour in Sicilia e nel Meridione d’Italia, che ne ricordano l’uso agricolo e la presenza generica di rovine. Le prime informazioni di carattere scientifico si devono tuttavia a G. Gussone, che nel 1828 redige un primo elenco floristico; nuovi dati botanici vengono aggiunti successivamente da M. Lojacono-Pojero e dai soci della Società Geologica Italiana, che organizza un’escursione nell’isolotto nel 1900. Ulteriori prospezioni sono state condotte a partire dagli anni Novanta del XX secolo da P. Lo Cascio.

Rispetto a quelle floristiche, che possono essere ritenute soddisfacenti, le conoscenze faunistiche sono certamente incomplete: i primi dati sull’avifauna sono stati forniti da S. Allavena, E. Moltoni e S. Frugis, mentre quelli sull’erpetofauna si devono ad A. Taddei, R. Mertens e B. Lanza; quelli sul popolamento a Gasteropodi e Collemboli sono stati rispettivamente pubblicati da F. Giusti e R. Dallai nell’ambito dei risultati delle campagne C.N.R. sulle “Piccole Isole”, così come uno studio dettagliato della fauna ad Acari Oribatidi realizzato da F. Bernini, ma buona parte dei gruppi di invertebrati rimangono ancora da esplorare, a eccezione di dati frammentari su alcune famiglie di Coleotteri.

Le prime prospezioni archeologiche sono state effettuate intorno agli anni Venti del XX secolo da O. De Fiore e G. Libertini, ma è con L. Bernabò Brea che – a partire dal secondo dopoguerra – si accerta la presenza diffusa di resti di età tardo-romana, sia sull’isolotto sia nelle acque circostanti; tuttavia, ancora oggi non sono stati effettuati né scavi sistematici né saggi di alcun genere, e pertanto le conoscenze si presentano ancora lacunose.

La prima carta geologica realizzata con metodi moderni si deve a R. Romano e risale ai primi anni Settanta del XX secolo; da allora, l’isolotto è stato oggetto di studi nell’ambito della caratterizzazione geo-vulcanologica e crono-stratigrafica del complesso apparato di Panarea, in particolare a opera del gruppo di vulcanologi dell’Università di Bologna diretto da P.L. Rossi. Durate gli ultimi anni, una particolare attenzione è stata inoltre dedicata ai fenomeni di subsidenza e bradisismo, che qui risultano particolarmente marcati.

Interesse


Il pianoro sommitale, che ha ospitato coltivi fino alla prima metà del XX secolo, si presenta attualmente occupato da formazioni di macchia termofila dove prevalgono Erica arborea L. e Pistacia lentiscus L., che si alternano a praterie xeriche con Hyparrhenia hirta (L.) Stapf e ad aspetti steppici caratterizzati dalla presenza di diverse specie di orchidee e dominati da Drimia maritima (L.) Stearn o Thapsia garganica L.; l’estensione di questi ultimi riflette l’intensità dei fattori di disturbo, come i periodici incendi che si verificavano ancora fino qualche anno fa e il pascolo, un tempo legato all’abitudine di mantenere sull’isolotto ovini e caprini allo stato brado e oggi dovuto esclusivamente alla presenza di una cospicua popolazione di Oryctolagus cuniculus L. Nelle radure soleggiate caratterizzate litosuoli sabbiosi si riscontrano interessanti consorzi terofitici riferibili alla classe Tuberarietea guttatae (habitat 6220), cui partecipa talora Juncus capitatus Weigel, specie indicatrice di ristagno idrico stagionale e rara alle Eolie. Le pareti del versante nord-occidentale ospitano uno dei rari popolamenti eoliani di Chamaerops humilis L., mentre la fascia costiera è caratterizzata da una diffusa presenza di Limonium minutiflorum (Guss.) O. Kuntze. Queste ultime due specie, insieme a Iberis semperflorens L., endemita a distribuzione discontinua nell’area centro-mediterranea che nel resto delle Eolie è presente solo a Panarea, rappresentano gli elementi floristici di maggior interesse.

L’avifauna stanziale e nidificante comprende poche specie, come Sylvia melanocephala (Gmelin) e Monticola solitarius L. Nel 2016 è stata ripetutamente osservata la presenza di Falco eleonorae Gené, la cui nidificazione deve però essere confermata; analoghe considerazioni vanno estese a Calonectris diomedea (Scopoli), ritenuta possibile nidificante sull’isolotto.

La fauna vertebrata e invertebrata terrestre non ospita invece elementi di particolare rilievo; nei primi anni Settanta, gli Acari Oribatei dell’isolotto sono stati oggetto di studi faunistici e biogeografici che hanno portato alla descrizione di numerose specie, inizialmente ritenute endemiche, ma successivamente ritrovate in altre località nell’area mediterranea.

Pressioni


I processi di successione progressiva innescatisi sugli ex-terrazzamenti in seguito alla cessazione dello sfruttamento agro-pastorale dell’isolotto stanno producendo una graduale trasformazione ed omogeneizzazione del paesaggio locale, provocando la scomparsa di numerose specie legate ai coltivi, agli incolti ed agli ambienti aperti.

Nonostante il regolamento dell’area protetta preveda severi vincoli per l’accesso, l’isolotto è occasionalmente frequentato da visitatori e locali e, in passato, veniva anche praticata attivamente la caccia al coniglio, presente con una cospicua popolazione.

Gestione e Conservazione


Basiluzzo ricade interamente nel perimetro della ZPS ITA030044 “Arcipelago delle Eolie – area marina e terrestre” e del SIC ITA030025 “Isola di Panarea e scogli viciniori”, per i quali è stato redatto un Piano di Gestione approvato dall’Assessorato al Territorio e Ambiente della Regione Siciliana con D.D.G. n. 120 dell’08/03/2013. L’isolotto risulta designato come Riserva Naturale Integrale con Decreto Assessoriale n. 483 del 25/07/1997 ed è affidato alla gestione della Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana, che tuttavia non dispone di personale dedicato e di un presidio sulla vicina isola di Panarea e, pertanto, non è in condizione di operare efficacemente.

Bibliografia


Anzidei M., Esposito A. & Benini A., 2014. Evidence of active subsidence at Basiluzzo Island (Aeolian Islands, southern Italy) inferred from a Roman age wharf. Quaternary International, 332: 143-150.

Bacci G.M., Martinelli M.C., Ollà A., Sardella A., Vanaria M.G. & Zavettieri G., 2009. Guida archeologica delle Isole Eolie. Regione Siciliana, Assessorato BB.CC.AA. e P.I., Palermo, 127 pp.

Bernabò Brea L., 1949. Basiluzzo e scogli vicini. Notizie dagli Scavi di Antichità, 1: 238-239.

Lo Cascio P., 2017. Luoghi e natura di Sicilia. 1. Le Isole Eolie. Danaus, Palermo, 318 pp.

Lo Cascio P. & Pasta S., 2008. Flora vascolare e lineamenti della vegetazione degli isolotti minori dell’Arcipelago Eoliano (Tirreno meridionale). In: Abstracts 37° Congresso della Società Italiana di Biogeografia “Biodiversità e biogeografia della Sicilia” (Catania, 7-10 ottobre 2008), p. 64.

Lucchi F., Tranne C.A., Peccerillo A., Keller J. & Rossi P.L., 2013. Geological history of the Panarea volcanic group (eastern Aeolian archipelago). In: Lucchi F., Peccerillo A., Keller J., Tranne C.A. & Rossi P.L. (eds.), The Aeolian Islands Volcanoes. Geological Society, Memoirs 37, London, pp. 351-395.

Massa B., Lo Cascio P., Ientile R., Canale E. & La Mantia T., 2015. Gli uccelli delle isole circumsiciliane. Naturalista siciliano, 39 (2): 105-373.

Pasta S., Buscemi I., Crisafulli A., Giovino A., Lo Cascio P., Buord S., Guarino R. & La Mantia T., 2014. Ecologia e distribuzione di Chamaerops humilis L. (Arecaceae) nella Sicilia nord-orientale. Naturalista siciliano, 38 (2): 291-306.

Pasta S., Lo Cascio P., Pancioli V., 1999. Sull’effettiva consistenza numerica e distribuzione delle Orchidaceae nell’arcipelago eoliano (Mar Tirreno sudorientale). Naturalista siciliano, 23 (3-4): 467-484.

Print Friendly, PDF & Email